Tutoraggio DSA, DDAI e BES

Sempre più giovani si trovano a disagio nello studio, nell'apprendimento, nel metodo, nella concentrazione e nella relazione con la scuola. 

Sempre più famiglie si trovano di fronte alle diagnosi di Dislessia, Disgrafia, Discalculia, Disortografia, Disturbo Dell'Attenzione e Iperattività o anche semplicemente di fronte alla codifica di BES.

Le scuole chiedono alle famiglie di supportare i figli integrando gli interventi scolastici con l'ausilio di specialisti esterni.

I nostri percorsi educativi di Tutoraggio sono una risposta concreta ed efficace per aiutare i ragazzi e le loro famiglie a dare soluzione a questa complessità.


Perchè scegliere un Pedagogista?

Un pedagogista è un esperto del processo di educazione, ri-educazione e di prevenzione del disagio e di tutte quelle difficoltà che rallentano l'apprendimento o l'integrazione/l'inclusione al sistema scolastico ed alla crescita in generale. 

Un pedagogista lavora con l'obiettivo di costruire l'autonomia e l'indipendenza dei ragazzi che incontra e di insegnare loro le abilità necessarie ad avere efficacia nel mondo e sviluppare consapevolezza dei propri talenti e delle proprie capacità.

 

Le caratteristiche dei nostri interventi di Tutoraggio 

Ogni ragazzo è un sistema complesso composto da tanti elementi differenti che lo rendono speciale, diverso da tutti gli altri, entro cui DSA, DDAI o BES sono solo uno tra i tanti tratti che lo caratterizzano. Aiutarlo a costruire un equilibrio e una serenità nella gestione della sua diversità è il nostro primo obiettivo che rende ogni tutoraggio un intervento tagliato su misura. L'educazione è un mestiere sartoriale ed ogni percorso è diverso dall'altro. L'obiettivo comune ad ogni percorso di tutoraggio è quello di costruire con la famiglia e i ragazzi la loro autonomia e renderli capaci di autorganizzarsi nel rispetto delle loro differenti caratteristiche e necessità di apprendimento. Non si tratta dunque di "curarli" nè semplicemente aiutarli a fare i compiti, ma di sviluppare con loro un percorso di acquisizione di competenze e di strumenti che gli consentano di raggiungere, seppur con percorsi diversi, gli stessi obiettivi di apprendimento.

"...Non è indispensabile che legga perfettamente ma che arrivi a scuola preparato e che acquisisca la capacità di comprendere ciò che legge. Non è  indispensabile che sappia fare una divisione in tabella, ma che abbia capito bene il concetto di divisione e sappia quando usarla seppur svolgendola con la calcolatrice. Non è indispensabile che abbia una bella grafia ma che sappia scrivere correttamente, sviluppare un pensiero, e sia in grado di leggere ciò che scrive. Non è indispensabile che sia perfettamente ordinato e quieto, ma che sappia indirizzare bene le sue energie senza sprecarle e che sappia distinguere l'utilità dei conflitti per costruire il suo futuro."